Scuola

Appello ai genitori italiani

Pubblicato da Tarlo il 10 Dicembre 2005
Rubrica:

Sono ormai tante, troppe le associazioni di psicologi che, appoggiati dai servizi di neuropsichiatria infantile delle varie ASL, si vantano di effettuare screening di massa nelle scuole per poi poter etichettare (l'aiuto è un'altra cosa) i bambini con difficoltà di apprendimento o socializzazione.

Seguo da anni questa presa di posizione psichiatrica che vorrebbe i nostri figli tutti bravi, attenti, scrittori, matematici. E più approfondisco la ricerca, più trovo assurdo che uno Stato democratico permetta a dei teorici dell'allineamento sociale di operare, anzi li sovvenziona.

Categoria

Bambino ha "problemi di apprendimento"... TOLTO AI GENITORI

Pubblicato da Redazione il 4 Novembre 2005
Rubrica:

Relazione della psicologa determina la temporanea limitazione della potestà. Un famiglia gettata in un incubo. La vicenda ha inizio in una scuola pubblica della provincia di Milano nel 2002, la famiglia attraversa un periodo difficile e a farne le spese è un bambino, lo chiameremo Marco, che dalla scuola viene segnalato ai servizi sociali per "disturbi dell'apprendimento".

Droga di Stato a scuola

Pubblicato da Redazione il 11 Maggio 2003
Rubrica:

L'Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico «Eugenio Medea» di Lecco, in collaborazione con l'Istituto Superiore di Sanità, ha promosso un'indagine epidemiologica, chiamata «Progetto Prisma», nelle scuole medie inferiori di sei città campione: Milano, Lecco, Rimini, Pisa, Roma e Cagliari. Il fine è quello di «individuare la tipologia di eventuali disturbi psicologici e mentali, e stabilire come questi influenzino il comportamento sociale e scolastico del soggetto». A giudicare dal contenuto delle domande contenute nel test, non sembra proprio una ricerca innocua e insignificante, ma una iniziativa che ricalca quanto già effettuato negli USA in questi anni e che ha come obiettivo quello di accertare l'ADHD, da noi noto come «Deficit di attenzione e iperattività».

Categoria

Ritalin, l'altra faccia del farmaco

Pubblicato da Redazione il 9 Agosto 2002
Rubrica:
Image
Confezione Ritalin

Da: Gazzetta di Modena

Il Ritalin? Un modo comodo, anzi una scorciatoia, per evitare di guardare in faccia alla complessità del nostro mondo, un metodo pratico per certi insegnanti per sbarazzarsi di un problema inquietante e soprattutto un prodotto di consumo legato al mercato farmaceutico. È quanto emerso dall'incontro di ieri al Corni intitolato «Una pillola di troppo».