Economia

Declino e caduta dell'Impero Americano

Pubblicato da Redazione il 5 Giugno 2009
Rubrica:

Dopo aver regnato per secoli gran parte del mondo conosciuto, Roma cadde a causa di una serie di fattori che, secondo gli storici, non sarebbero stati fatali se presi separatamente, ma che in combinazione sono risultati letali. Le eccessive spese militari oltre i propri limiti, un sistema economico insostenibile e la svalutazione della valuta hanno giocato tutti un ruolo. Com'è stato ben documentato, gli imperi Romani tentarono di distrarre il popolo dalla disastrosa realtà della propria situazione fornendogli pane e giochi (panem et circenses). Ma gli intrattenimenti non impedirono alla nazione-stato di cedere sotto la pressione del proprio peso.

Categoria

Banche, Soros e la droga: il collasso è completo

Pubblicato da Redazione il 9 Febbraio 2009
Rubrica:

«6 febbraio 2009 (MoviSol) - Come risultato del collasso del sistema, i soldi della droga hanno assunto un ruolo centrale in settori già tossico-dipendenti del sistema finanziario, come quelli che sostengono George Soros. Nei circoli del potere, gente disperata scende a patti per ottenere un po' di soldi.

«6 febbraio 2009 (MoviSol) - Come risultato del collasso del sistema, i soldi della droga hanno assunto un ruolo centrale in settori già tossico-dipendenti del sistema finanziario, come quelli che sostengono George Soros. Nei circoli del potere, gente disperata scende a patti per ottenere un po' di soldi.

USA: remake dell'Operazione Bernhardt, ma Hollywood non c'entra

Pubblicato da Redazione il 4 Novembre 2008
Rubrica:

Cosa succede all'economia mondiale? Il seguente articolo di Mike Adams spiega come stanno le cose in America. Basta, però, sostituire BCE a Fed, Deputati a Rappresentanti del Congresso e possiamo avere una comprensione piuttosto veritiera anche di quello che succede in Europa (e in Italia).


Tratto dalla newsletter di NaturalNews del 8-10-2008

Crack bancari: crisi del Sistema o fallimento controllato?

Pubblicato da Redazione il 2 Ottobre 2008
Rubrica:

Quello che purtroppo (o per fortuna?) era stato previsto da anni si sta verificando. Il Sistema Economico sta letteralmente crollando sotto il peso di debiti, speculazioni, investimenti forsennati e satanici, oppure è arrivato l'occasione e la possibilità di destare le nostre coscienze?

Categoria

Le tasse sono bellissime… le rate del mutuo un po’ meno

Pubblicato da Redazione il 9 Novembre 2007
Rubrica:

Credo che la frase di Padoa Schioppa «Le tasse sono bellissime» abbia fatto il giro del mondo. Sì, sono bellissime, soprattutto per le banche, enti di cui il Ministro è paladino, assieme al "suo capo" Romano Prodi. Infatti con la batosta della finanziaria 2006, nonostante poi si sia scoperto che il governo precedente aveva lasciato un "tesoretto", metà della finanziaria è stato usato per ripianare il debito pubblico, vale a dire è finito dritto nelle tasche delle banche a fronte di quel "famoso" debito inventato con la stampa della cartamoneta.

Le banche centrali e il controllo privato del denaro

Pubblicato da Redazione il 5 Novembre 2006
Rubrica:

In questo articolo ci sono alcuni cenni storici di approfondimento sulla nascita dell'attuale sistema economico-bancario. Utilizzando le tecniche di riserva frazionale bancaria, i Rothschild ed i loro alleati iniziarono, sin dagli albori del 19o secolo, a dominare le banche centrali in Gran Bretagna, Stati Uniti e Francia.

Categoria

La famiglia dello scudo rosso: i Rothschild

Pubblicato da Redazione il 28 Febbraio 2006
Rubrica:

Ho letto con molto interesse libri, fascicoli e siti internet su cosiddette teorie cospirative secondo le quali dietro alle vicende politiche ed economiche ci sarebbero potenti logge massoniche. Fin qui nulla di strano. Non si può negare infatti che la maggior parte di queste società segrete fin dalle loro origini erano composte da influenti personaggi della vita pubblica, politica e militare.

Globalizzazione e istituzioni pubbliche

Pubblicato da Redazione il 19 Febbraio 2002
Rubrica:

In un articolo di Alessandro Baricco "Parole per dire mondo", apparso su La Repubblica, il 20 Ottobre 2001, l'autore si poneva le seguenti domande: perché 10 lettori che comprano libri per posta non sono niente rispetto a 1 lettore che compra un libro on-line? Perché le abitudini della maggior parte della gente non creano una tendenza, mentre il gesto innovativo di una sparuta minoranza consolida un atteggiamento mentale stereotipato e conforme ad un modello di vita orientato al pensiero unico?

Categoria