Guerra tra due visioni religiose del mondo

Pubblicato da Redazione il 11 Settembre 2005
Rubrica:
Image
Tom Cruise e Brooke Shields

Da Washington Times

7 luglio 2005, di Keith Hoeller

Sebbene in genere sia meglio non acquisire informazioni mediche né da Hollywood né dalla stampa tradizionale, il recente dibattito tra Tom Cruise e Brooke Shields chiarisce due punti importanti del Primo Emendamento: la libertà di religione e la libertà di stampa. Ciò è dovuto al fatto che questi due attori aderiscono a due differenti visioni filosofiche e religiose della natura umana e la stampa tradizionale ha deciso di sostenere una visione contro l'altra.

Mentre il signor Cruise ritiene che i problemi nella vita non sono causati da "malattie mentali" curate con farmaci psichiatrici, la signorina Shields crede il contrario. Sfortunatamente per Cruise, il punto di vista della Shields è diventato in effetti la religione di stato americana, ed è ampiamente sostenuta dalla stampa tradizionale.

Durante lo show "Today" della NBC, Cruise disse di aver studiato attentamente la storia della psichiatria, che essa è una pseudoscienza, che ai bambini vengono somministrati psicofarmaci contro la loro volontà, senza che i loro genitori siano a conoscenza degli effetti collaterali, che il Ritalin è una droga reperibile per strada, che non esiste una cosa come lo squilibrio chimico, e che gli psicofarmaci non curano nulla ma, piuttosto, mascherano i problemi reali.

Tutte queste dichiarazioni andavano contro l'ideologia dominante, sposata dal conduttore di "Today" Matt Lauer. Per poter trasmettere le proprie argomentazioni, Cruise ha dovuto interrompere Lauer, il quale ha continuato a inquadrare le domande nell'ambito psichiatrico.

A seguito della sua esternazione eretica, gli alti papaveri del movimento della salute mentale sono entrati tempestivamente in azione. L'Associazione Psichiatrica Americana (APA) e l'Alleanza Nazionale per il Malato Mentale (National Alliance for the Mentally Ill - NAMI), entrambe abbondantemente finanziate dalle case farmaceutiche, hanno assicurato il pubblico che Cruise era in errore e che il malato mentale ha bisogno e beneficia dei loro psicofarmaci giornalieri.

Il New York Times, che pubblica abitualmente opinioni favorevoli alla psichiatria, ha prontamente pubblicato un articolo dell'attrice Brooke Shields, la quale ha appena pubblicato un libro in cui attribuisce alla "depressione postpartum" la sua avversione alla maternità, accreditando gli antidepressivi come ciò che l'hanno resa una madre più felice.

Comunque, né l'APA, né il NAMI, né la Shields hanno offerto alcuna evidenza scientifica credibile per avvalorare le loro dichiarazioni che la gente depressa ha uno squilibrio chimico genuino che viene curato dai farmaci antidepressivi.

Questo perché, in effetti, gli psichiatri devono ancora provare conclusivamente che una qualsiasi malattia mentale è causata da uno squilibrio chimico di qualsiasi tipo. Devono ancora sviluppare un singolo test di diagnosi fisica per dimostrare che chicchessia ha una malattia mentale. Ciononostante ogni giorno in America la gente viene forzata, costretta o indotta ingannevolomente ad assumere psicofarmaci per risolvere i propri problemi personali.

Molti psichiatri, psicologi, terapeuti, consulenti, teologi e filosofi di qualsiasi genere hanno criticato il traballante status scientifico della psichiatria per decenni - molto prima degli Scientologist.

Cruise si è trovato attaccato personalmente da critici che si sono rifiutati di indirizzarsi al punto in questione. Anziché essere depresso e prendere psicofarmaci, Cruise è perdutamente innamorato senza prendere alcun farmaco. Peggio, egli ha espresso ripetutamente il suo amore per Katie Holmes in pubblico. Ci deve essere qualcosa di sbagliato in lui, hanno insinuato i media.

Anziché aderire a una religione tradizionale, egli aderisce a Scientology, che ha scrutato ampiamente la psichiatria. In un periodo in cui la Chiesa Cattolica sta inviando i suoi preti abusatori sessuali dagli psichiatri anziché mandarli in prigione, Scientology può benissimo essere la sola religione che critica abitualmente l'uso forzato e la frode da parte degli psichiatri e delle case farmaceutiche.

Assieme allo psichiatra Thomas Szasz, autore de "Il mito della malattia mentale", Scientology ha fondato il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani per aiutare quegli americani i quali ritengono che i loro diritti civili sono stati violati dal movimento della salute mentale.

In un modo simile alla caccia ai Rossi del 1950, quando le persone venivano zittite semplicemente chiamandole comunisti, il movimento della salute mentale ha tratto vantaggio dalla caccia allo Scientologo, e i media sono saltati sul carro. Giornalisti o editori spesso mi chiedono se sono uno Scientologo quando esprimo opinioni critiche verso la psichiatria. Altri critici non Scientologist raccontano di esperienze simili.

Mentre viviamo presumibilmente in una nazione dove la libertà religiosa è un principio fondamentale, questa libertà religiosa spesso non è stata estesa alle minoranze religiose o ai non credenti.

In una nazione in cui la salute mentale è diventata l'esclusiva religione di stato, avallata da leggi sulla salute mentale, dalle forze di polizia, da carcerazione e somministrazione di psicofarmaci forzata, sarebbe carino se la stampa libera sostenesse la libertà di religione invece di soffocarla.

Nota: Keith Hoeller è editore della Rivista di Psicologia & Psichiatria Esistenziale (Review of Existential Psychology & Psychiatry), Seattle, Wash.