La non scientificità della medicina: il problema è la gente

Pubblicato da Redazione il 4 Dicembre 2005
Rubrica:

La medicina si vanta di essere una scienza. Essa valuta in continuazione farmaci e terapie mediante costosi esperimenti, ed è governata da strette - e costose - linee guida. Come risultato, essa controlla i cuori e le menti dei governi e dei media, i suoi sostenitori e i suoi lobbisti sono in grado di incoraggiare leggi che distruggono la medicina alternativa.

Ci sono un'infinità di problemi connessi con questa situazione [...]. In primo luogo la medicina non potrà mai essere una scienza poiché c'è una impossibilità logica di dedurre le verità universali tramite evidenze empiriche. Per esempio X può morire di cancro al polmone poiché era un fumatore, ma non si può dire che anche Y morirà sicuramente allo stesso modo perché fuma anch' egli.

Poi, abbiamo il problema degli esperimenti "scientifici". Se in un esperimento si trova che su un gruppo di 1000 pazienti il 70% risponde bene al trattamento mentre il 30% no, si potrebbe supporre che la terapia funziona sul 70% della gente il 100% delle volte. Ma gli stessi dati potrebbero anche essere interpretati come se il trattamento funzionasse sul 100% dei pazienti il 70% delle volte. Dipende tutto da chi paga la ricerca, e siccome è invariabilmente una casa farmaceutica, è facile indovinare quale conclusione sarà raggiunta. Anche la più "imparziale" interpretazione è dubbia in quanto nessun farmaco funziona allo stesso modo tutte le volte. Gli individui rispondono diversamente ai farmaci somministrati in tempi diversi, una cosa che i professionisti complementari e alternativi hanno cercato di sottolineare per anni. La loro forma di medicina non può essere analizzata tramite gli studi placebo doppio-ceco standard semplicemente a causa della differenza negli individui coinvolti, e del loro cambiamento di caratteristiche nel corso del tempo.

La medicina sta iniziando a prendere coscienza di questi problemi, un processo che verrà aiutato da un approfondito saggio di Stephen Senn dell'Università di Glosgow, pubblicato in un recente British Medical Journal.

Tuttavia siamo lontani ancora molti anni dalla realizzazione da parte di governi e media che la medicina non è affatto una scienza. Essa, in effetti, è sorprendentemente simile alla medicina alternativa. E allora, come la mettiamo?

(Fonte: British Medical Journal, 2004; 329: 966-8)

Tratto da WHAT DOCTORS DON'T TELL YOU - E-news broadcast No. 116 del 16 Dicembre 2004

Categoria