Il bordello dei media

Pubblicato da Redazione il 19 Settembre 2006
Rubrica:

Oggi, 19 settembre 2006, alcuni telegiornali hanno dato notizia (l'ennesima) del preoccupante aumento dell'obesità tra i giovani inglesi. Il 16 settembre Il Corriere pubblicava l'articolo Allarme obesità: l'Asia cambiata dal cibo Usa - La dieta occidentale provoca la prima «epidemia» di diabete. Raddoppiato in Cina il numero delle persone sovrappeso.

Il 15 settembre Il Corriere pubblicava Italiani troppo grassi: obeso un bambino su 5. I dibattiti sulle cause e sui rimedi rischiano di lasciarci più confusi che mai. Pubblichiamo, quindi, questa vignetta satirica e il commento del suo co-autore Mike Adams che ci indicano una delle possibili cause (forse la più vera) di questa "piaga moderna". Spesso la satira racconta in modo succinto e diretto storie troppo lunghe da raccontare. Spesso la satira fa sorridere, come in questo caso... ma riflettendoci c'è ben poco da ridere!


Image
bordello

Tratto da www.newstarget.com
Le vignette di Counterthink sono parodie o commenti satirici di NewsTarget su vari argomenti che riteniamo siano di interesse pubblico e vengono proposte conformemente alla Libertà di Parola nell'ambito della protezione del Primo Emendamento della Costituzione USA.

I media tradizionali dipendono dai soldi dei farmaceutici. Ma non solo farmaceutici: c'è anche la pubblicità di cibo spazzatura (cibo stuzzicante ma non molto sano, tipo le merendine ricche di grassi e povere di vitamine, ndt), la promozione di bibite gassate e tutta la gamma di pubblicità di prodotti che fondamentalmente rendono il pubblico malato, sovrappeso e infelice. Però qualcuno deve pagare i conti a tutti questi giornali, riviste, newtwork di notiziari e notiziari via cavo che pretendono di essere le autorità per quanto riguarda l'informazione importante sulla quale devi esser edotto.

Non sorprende che i media tradizionali siano riluttanti a riferire qualsiasi storia che tratti degli interessi finanziari dei loro migliori inserzionisti. E così in cambio di entrate per pubblicità ripetitive, essi vendono la loro anima e riferiscono su qualsiasi cosa che da' il più alto indice di ascolto o gradimento mentre censurano la maggior parte delle storie che potrebbero dire la verità sulle case farmaceutiche, sui produttori di cibo spazzatura e sui promotori di bibite gassate. Da qui la designazione di puttane data ai media principali.

All'inizio non ero sicuro se pubblicare o meno questa vignetta nel timore della possibilità di offendere qualche persona. Quindi, per favore, nota che questa vignetta non intende in alcun modo ingiuriare le vere puttane.

Verifica le espressioni dei clienti abituali di questa vignetta. Semplicemente non ne hanno mai abbastanza! E il tizio della ditta di bibite sta per scoppiare fuori dai pantaloni a causa di un problema di obesità grave (che stia bevendo i suoi stessi prodotti?)

Scherzi a parte, non è strano che la maggior parte degli Americani ricevano le notizie da fonti che hanno interesse nel NON riferire la verità sulle aziende alimentari, farmaceutiche e di bibite gassate? Ma questo è il meccanismo su cui la truffa si regge: la pubblicità convince ingannevolmente così tante persone ad acquistare prodotti spazzatura che gli sponsor hanno un'abbondanza di denaro contante tale da continuare a pagare i media tradizionali.

E, a proposito, QUALSIASI giornalista che ha lavorato in una redazione importante può confermare tutto questo. Ma solo ufficiosamente. Come qualsiasi giornalista sa, il modo più veloce per finire la propria carriera è di raccontare effettivamente la verità.

Categoria