Allarme: salute mentale infantile

Pubblicato da Redazione il 2 Dicembre 2005
Rubrica:

Continua la rassegna di articoli che smascherano le vere intenzioni e attività del Presidente Bush e dell'establishment di estrazione psichiatrica negli USA. Da molto tempo gli USA esportano nel mondo la loro "cultura", incluso la cultura degli psicofarmaci. Non a caso anche in Italia assistiamo a un incremento massiccio del consumo di psicofarmaci, con concomitante incremento di crimini efferati commessi da persone in cura con psicofarmaci. Inoltre abbiamo "importato" in alcune delle nostre scuole i progetti di screening, vedi il contestato Progetto Prisma, fatti anche all'insaputa dei genitori.

Tonino Cantelmi, docente di psichiatria a Roma presso l'Università Gregoriana e la Pontificia Università Regina Apostolorum, presidente dell'Associazione italiana psicologi e psichiatri cattolici, membro attivo dell'AIFA (Associazione Italiana Famiglie ADHD, una lobby pro Ritalin) e consulente dell'on. Burani Procaccini per quanto riguarda la proposta di legge "Norme per la tutela e la prevenzione delle malattie mentali", dichiara sul sito POL.it: «Il disegno di legge della On. Burani [...] risponde alle esigenze di rinnovamento [...]. Per esempio, con pieno accordo dei neuropsichiatri dell'infanzia e dell'adolescenza, attribuisce grande importanza ad interventi precoci (l'otto per cento dei bambini sotto i 10 anni presenta problemi psichiatrici), articola in modo efficiente gli interventi obbligatori, promuove risposte per la depressione, l'anoressia e altre patologie attualmente trascurate, offre una risposta ai bisogni diversificati dei pazienti in funzione della fase di malattia (acuzie, postacuzie e cronicità).» Chi noterà paurose analogie con il contenuto del seguente articolo, sappia che non è casuale: trattasi di un disegno psichiatrico ben preciso, più volte espresso con narcisistica arroganza, come nel saggio di Tom Wolfe "Il cervello senz'anima". Il "sogno" di poter realizzare il controllo mentale, protagonista di MKULTRA, bussa alle nostre "teste".

EDUCATION FOR A FREE NATION
105 Peavey Rd, Suite 116, Chaska, MN 55318
952-361-4931 www.edwatch.org - edwatch@lakes.com

Allarme: salute mentale infantile
I piani federali e statali vanno avanti

Karen R. Effrem, MD

Image
livelli di cura salute mentale infantile

23 Novembre 2005

Lo scioccante grafico qui sopra proviene da una coalizione di istituzioni accademiche, finanziate a livello federale e concentrate nella UCLA (Università della California, Los Angeles), che promuove la salute mentale nella prima infanzia. Si dovrebbe eliminare qualsiasi ulteriore ombra di dubbio sul fatto che il governo federale si sta muovendo per attuare un sistema universale di screening, intervento e monitoraggio della salute mentale, iniziando dai nostri bambini più piccoli. Questo programma è denominato State Early Childhood Comprehensive System (SECCS, Sistema Statale Globale Prima Infanzia), gestito dal Maternal and Child Health Bureau (MCHB, Dipartimento della Salute Materna e dell'Infanzia) e dalla Administration for Children and Families (ACF, Ufficio per i Bambini e le Famiglie). La relazione contenente il grafico è tutta imperniata sulla salute mentale infantile e sull'integrazione dei programmi per la salute mentale nella prima infanzia.

Il rapporto del New Freedom Commission on Mental Health (NFC, Commissione Nuova Libertà per la Salute Mentale) è piuttosto maligno e suggerisce che lo screening e l'intervento sulla salute mentale dovrebbero iniziare all'asilo, per assicurare che i bambini siano pronti per la scuola. Questo documento dell'UCLA, comunque, testimonia la chiara presunzione del governo di interferire nella vita mentale ed emotiva dei cittadini dalla nascita in poi.

In aggiunta a questo documento, l'ente federale (SAMHSA) che applica le indicazioni della Commissione Nuova Libertà, ha pubblicato i suoi piani di intervento. Questi piani, chiamati Federal Mental Health Action Agenda (FMHAA, Agenda Federale di Intervento nella Salute Mentale), sono in linea pure con il succitato documento di pianificazione dell'UCLA.

L'Agenda di Intervento federale dice che il loro Programma di Sovvenzione della Prevenzione e dell'Intervento Precoce è designato per sviluppare la promozione della salute mentale e dei servizi di intervento precoce indirizzati ai neonati, bambini piccoli, bambini in età prescolare e scolare, e/o agli adolescenti in strutture per la salute mentale e altri programmi utili a bambini e adolescenti.

L'Agenda di Intervento, nel descrivere questo programma per la salute mentale dei neonati, dichiara anche: «i Sistemi Globali di Finanziamento Statale della Salute Materna, dei Bambini e della Prima Infanzia (State Maternal and Child Health Early Childhood Comprehensive Systems Grants) includeranno altri partner Federali per pianificare e sviluppare sistemi di cura statali per aiutare il sano sviluppo sociale ed emotivo dei bambini. In particolare, i finanziamenti sostengono lo sviluppo di un piano statale indirizzato all'accesso ai servizi di assicurazione sanitaria e di normale assistenza medica di base, agli interventi per lo sviluppo mentale e socio-emotivo, ai sostegni per l'istruzione e la cura precoce del bambino, e ai sostegni per l'istruzione dei genitori e della famiglia».

Questo programma integra la salute mentale nei programmi per l'infanzia. Numerosi standard statali di primo apprendimento e standard nazionali Head Start[1] includono risultati socialmente ed emotivamente vaghi, soggettivi e controversi, come "Sviluppa la capacità di identificare le caratteristiche personali incluso sesso e composizione della famiglia". Standard come questi, oltre a violare il ruolo dei genitori, creano un danno psicologico a causa del coinvolgimento dei bambini in argomenti sociali e sessuali altamente controversi che non sono assolutamente appropriati per il loro livello di sviluppo.

Notare che nel grafico lo screening è il primissimo servizio elencato sotto servizi universali/preventivi per promuovere la salute mentale infantile. Il testo esplicativo dice: «Servizi Universali/Preventivi - mirano a migliorare lo sviluppo, l'educazione, la conoscenza e il comportamento del bambino, e la salute mentale infantile per tutte le famiglie che si trovano nel raggio d'azione dei servizi». La linea guida numero uno raccomandata in questo documento è quella di Integrare la salute Mentale Infantile in tutti i sistemi di servizio al bambino e alla famiglia. Quindi enunciano il loro fondamento logico: gli erogatori di sostegno pediatrico, cure e istruzione precoci, e famigliare, sono incaricati di fornire istruzione, condurre valutazioni, operare interventi e gestire l'assistenza.

Senza considerare se il proprio bambino è ritenuto a rischio, persino dai criteri indefiniti usati nella citazione di cui sopra; senza considerare se i genitori pianificano di evitare gli asili pubblici o i programmi d'istruzione; e senza considerare se un bambino si trova a casa, all'ambulatorio medico, all'asilo, o in qualsiasi programma governativo per la salute o l'istruzione del bambino - per questi burocrati TUTTI significa TUTTI.

Il Piano di Intervento federale continua dicendo: «Proporre un approccio globale a livello federale e statale per un intervento appropriato per bambini identificati come essere a rischio di disturbi mentali nelle strutture per la prima infanzia». Anche se fosse costituzionalmente corretto che il governo federale intervenga sulla salute mentale dei bambini, intervento significa quasi esclusivamente intervento chimico con farmaci psicotropi. È vero, poiché raramente i programmi governativi pagano per un qualsiasi tipo di terapia diversa dal medicamento. Inoltre, l'industria farmaceutica, i gruppi di appoggio alla salute mentale, e le organizzazioni professionali vogliono tutti la loro parte di profitti e di sussidi governativi.

Il dottor David Willis, Direttore Medico del Northwest Early Childhood Institute [2] di Portland, Oregon, e opinion leader chiave che ha influenza sulla politica del governo per quanto concerne la salute mentale dei bambini, ha confermato la supremazia delle medicine nella salute mentale dei bambini dichiarando in Pediatric News del gennaio 2004: «La psicofarmacologia è all'orizzonte come terapia preventiva per bambini con suscettibilità genetica ai problemi di salute mentale».

Sembra che per i propugnatori della salute mentale neonatale e dell'infanzia non faccia nessuna differenza che nei bambini molto piccoli le diagnosi accurate, la sicurezza e l'efficacia delle medicine siano quasi inesistenti. Nel 2001 il dottor Benedetto Vitiello, direttore del Child and Adolescent Treatment and Preventive Interventions Research Branch for the National Institutes of Mental Health[3], ha riconosciuto l'incertezza diagnostica che circonda la maggior parte delle manifestazioni psicologiche nella prima infanzia[4]. Come raccomandato dal NFC, ogni farmaco menzionato nel Texas Medication Algorithm Project ha un avviso black box[5], l'avviso più grave imposto dalla FDA prima dell'interdizione.

L'establishment della salute mentale e i loro apologeti al Congresso e buracrati, hanno negato con veementi dichiarazioni sarcastiche il concetto di programmi universali di screening della salute mentale:

Il Repubblicano Ralph Regula (R-OH), presidente del Labor/HHS/Education Appropriations Subcommittee[6], durante il dibattito sull'emendamento di Paul contro lo screening obbligatorio ha detto:

«Non abbiamo mai proposto negli stanziamenti qualsiasi programma di screening mentale universale, e in realtà tutto ciò che questo emendamento fa, è di stigmatizzare la questione della salute mentale. Il firmatario menziona 26 milioni di dollari, e lasciatemi sottolineare come i fondi contemplati in questa legge, che rispondono alle raccomandazioni sugggerite nel rapporto finale della Commissione Presidenziale Nuova Libertà per la Salute Mentale, "Realizzare la Promessa: Trasformare la Cura della salute Mentale in America", vanno in direzione delle sovvenzioni statali di incentivazione della trasformazione per sostenere lo sviluppo di piani statali globali per la salute mentale, e non ci sono assolutamente fondi inclusi per lo screening universale della salute mentale.»

Guardando il grafico delle sovvenzioni governative mostrato sopra, chiunque può vedere che queste smentite sono inutili. Sarebbero comiche se il danno incalcolabile fatto da screening e programmi di cura scientificamente non validi, dannosi e inefficaci, non fosse così tragicamente enorme per le vite dei bambini, i diritti dei genitori e la libertà in generale. Migliaia di bambini sono stati offesi o uccisi da medicinali pericolosi e inefficaci prescritti loro dopo che sono stati falsamente etichettati mentalmente malati da questi programmi di screening vaghi e dubbi.

Sebbene il consenso dei genitori per lo screening di qualsiasi tipo e fermare il trattamento medico obbligatorio siano vitali, il problema ancora più immediato è la lotta contro la presunzione che qualsiasi governo locale, statale o federale, ha il diritto di esaminare, trattare, o intervenire nella vita emotiva di qualsiasi cittadino, per non parlare di un neonato innocente e vulnerabile. EdWatch da' l'allarme una volta per tutte. Ti unirai a noi per proteggere le vite e le menti dei nostri bambini?

Questi programmi miserabili devono essere smantellati. La settimana scorsa la Camera statunitense ha respinto l'imponente legge sui finanziamenti per Labor/HHS/Education. In quella legge, si era previsto che quest'anno i sussidi statali per incentivare la trasformazione ed eseguire le raccomandazioni del NFC e il Piano di Intervento federale (FMHAA), ricevessero 6 milioni di dollari in più rispetto all'anno scorso. Vi era incluso anche un progetto di dimostrazione dello screening della salute mentale ispirato dal Senato.

Per favore, rimanete sintonizzati per avere ulteriori informazioni sul soggetto, e su cosa può essere fatto per combattere la salute mentale nella prima infanzia.

Julie M. Quist
EdWatch
952-361-4931
www.edwatch.org
edwatch@lakes.com

Pagina originale: http://www.edwatch.org/updates05/112305-imh.htm


Note:

[1] ⬆︎ Head Start e Early Head Start sono programmi globali di sviluppo del bambino intesi ad assistere i bambini dalla nascita fino ai 5 anni, le donne gravide e le loro famiglie. Sono programmi focalizzati sul bambino e hanno lo scopo generale di incrementare la preparazione alla scuola dei bambini piccoli in famiglie a basso reddito.

[2] ⬆︎ Istituto del Nordovest per la Prima Infanzia

[3] ⬆︎ Divisione dell'Istituto Nazionale della Salute Mentale per la Ricerca di Interventi Preventivi e Trattamento del Bambino e dell'Adolescente.

[4] ⬆︎ 10/2001, "Psychopharmacology for Young Children: Clinical Needs and Research Opportunities Pediatrics" Vol. 108, No. 4, pp. 983-989

[5] ⬆︎ Il black box (riquadro nero) deve essere stampato sulla confezione di alcuni farmaceutici, in special modo gli psicofarmaci, avvertendo dei seri pericoli insiti nell'uso del farmaco. Negli psicofarmaci il black box avverte dell'aumento del rischio di pensieri e comportamenti tendenti al suicidio nei bambini che ne fanno uso.

[6] ⬆︎ Sottocomitato per i Finanziamenti dei Dipartimenti del Lavoro/dei Servizi per la Salute Umana/dell'Educazione.