Salute

Psichiatria e religione – Nuovi orizzonti dell’omologazione

Si potrebbe dire che ciò che accomuna la psichiatria e la religione (intesa come istituzione ecclestica) è la fede. In entrambi i casi bisogna "credere" ai dogmi sanciti dai controllori della "verità", gli psichiatri e i preti. In entrambi i casi ci si deve accontentare - e si deve fare, appunto, un atto di fede - dei proclami del "clero teocratico" o del "clero psicocratico" e non bisogna chiedere le prove (poiché non ci sono) né della presunta verginità della Madonna né della presunta sintomatologia organica delle malattie psichiatriche.

Medicine come caramelle

Credo sia opportuno spendere due parole riguardo la faccenda dei farmaci ora disponibili nei supermercati.

La psichiatria moderna

Un'altra vignetta satirica di Mike Adams correlata dall'arguto commento dell'autore.

Il Grande Fratello Chimico

L'uso di sostanze psicoattive per ridurre la capacità di discernimento di soggetti ignari, o ridurre la capacità reattiva del nemico in caso di guerra, è storia che accompagna l'uomo da secoli.

È giusto dottore?

Questo documentario è la testimonianza storica del reparto autogestito dell'Ospedale Lolli di Imola. Il dott. Giorgio Antonucci, primario dell'ospedale, illustra la storia della psichiatria apportando la propria critica all'ideologia ed all'operato psichiatrico.

Il Manifesto di Szasz

Il Manifesto di Thomas Szasz, Professore di Psichiatria emerito presso lo Health Science Center, State University di Syracuse, New York, è un must per tutti coloro che hanno a cuore i diritti civili di uomini, donne e bambini. E lo è anche per coloro che ignorano tali diritti.

Torino: il caso Vasta — Quando la psichiatria deporta!

Ogni anno la televisione ripropone le nefaste immagini dell'olocausto per informare e non dimenticare. Ogni anno si celebra il "giorno della memoria" affinché tali orrori non si ripetano. Eppure, ogni anno, l'ideologia ispiratrice di quegli orrori, la psichiatria, continua impunemente le sue pratiche incivili e inumane. Come questo caso di deportazione in un giorno di agosto 2006...

I legami finanziari tra psichiatria e aziende farmateutiche

Il New Scientist[1] e il Washington Post[2], due tra le più autorevoli riviste a livello mondiale, l'hanno recentemente reso noto. Dei 170 membri che collaborarono alla stesura del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM), la cosiddetta "bibbia" psichiatrica, 95 di loro, più di metà, avevano legami con le industrie farmaceutiche, prima o dopo la pubblicazione. La percentuale sale al cento percento nel gruppo che lavorò ai disturbi schizofrenici, psicotici e dell'umore. Proprio i settori che secondo il Chicago Tribune hanno registrato la massima vendita di psicofarmaci, con un giro d'affari che nel 2004 si attestò a oltre 30 miliardi di dollari. Più è redditizio il mercato, maggiori sono i collegamenti.

Droghe da strada o psicofarmaci: quali sono i più pericolosi?

Sia le droghe da strada che gli psicofarmaci provocano dipendenza, assuefazione e conducono in molti casi ad atti di violenza. Ma mentre le prime sono illegali, i secondi sono somministrati anche ai bambini e sono spacciati per medicine. In realtà si tratta di sostanze molto pericolose che alterano la mente e i cui effetti sono simili a quelli degli stupefacenti.

Psichiatria: quali sono i rischi?

Il CCDU (Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani) ritiene che i cittadini dovrebbero essere molto più informati sui trattamenti che ricevono nel campo della salute mentale. La psichiatria desta enormi perplessità a causa della scarsa scientificità sia per quanto riguarda le diagnosi che per l'utilizzo di trattamenti con gravi effetti collaterali.

Condividi contenuti